A spasso per la città

A spasso per la città

Antichissima città universitaria, nota per le sue torri ed i suoi lunghi portici, possiede un ben conservato centro storico,  fra i più estesi d’Italia.  La città, i cui primi insediamenti risalirebbero ad almeno un millennio prima di Cristo, è sempre stata un importante centro urbano, prima sotto gli Etruschi ed i Celti, poi sotto i Romani (Bononia), poi ancora nel Medioevo, come libero comune.

Siamo lieti di fornirvi un elenco (non certo esaustivo) dei principali monumenti e musei che rendono ancora oggi Bologna una città tutta da scoprire e vi invitiamo a rivolgervi al nostro staff per ricevere maggiori informazioni, mappe, guide, prenotazioni di visite e quant’altro per immergersi a pieno in questa magica città.

Due Torri                                                                                                                                      

Costruite intorno al 1200, le Due Torri sono diventate il simbolo di Bologna. La Torre Garisenda fu costruita dai Garisendi all’inizio del II secolo mentre la Torre degli Asinelli fu costruita dalla nobile famiglia degli Asinelli tra il 1109 e 1119.

La Fontana del Nettuno                                                                                                                             

La costruzione della fontana monumentale fu voluta dal Cardinale Carlo Borromeo allo scopo di dare lustro all’area di Piazza Maggiore. L’opera fu progettata nel 1563 dall’architetto e pittore Tommaso Laureti. L’imponente statua in bronzo del dio Nettuno invece è stata realizzata per mano dello scultore fiammingo Jean de Boulogne da Douai, conosciuto poi come il Giambologna.

Palazzo Comunale                                                                                                                                                               

Viene chiamato anche Palazzo d’Accursio, perché all’inizio fu l’abitazione di Francesco Accursio, giurista e maestro di Diritto nello Studio Bolognese. Nel 1136 divenne residenza degli Anziani, la massima magistratura del comune e quindi sede del governo della città. Nel XV secolo fu ristrutturato da Fioravante Fioravanti, che aggiunse, tra l’altro, l’orologio della Torre d’Accursio. Il Palazzo è attualmente la sede del municipio e al suo interno vengono conservate le memorie delle vicende storiche e politiche della città nella sua collezione d’arte permanente.

Palazzo del Podestà                                              

Costruito agli inizi del XIII secolo, fu la prima sede del governo cittadino nella persona del Podestà, la più importante autorità del Comune.

 Palazzo Re Enzo                                             

Il palazzo fu chiamato inizialmente Palazzo Nuovo per distinguerlo da quello del Podestà, ma poi cambiò nome per via di un episodio storico. Vi fu infatti rinchiuso prigioniero per 23 anni Re Enzo di Sardegna, figlio di Federico II, vinto alla battaglia di Fossalta.

Archiginnasio

Il palazzo fu costruito nel 1563 secondo il progetto di Antonio Morandi, detto Il Terribilia,  per volere di Papa Pio IV, con lo scopo di riunire in un solo  luogo gli insegnamenti universitari di diverse discipline, fino a quel momento sparsi in sedi differenti.  Dal 1563 al 1803 rimase la sede principale dello Studium Bolognese. Attualmente ospita la Biblioteca Comunale, ricca di testi antichi e prestigiosi. Non si può mancare la vista al Teatro Anatomico (1637), ovvero l’aula interamente  in legno in cui venivano svolte le lezioni di anatomia con la dissezione dei cadaveri .

 

 

CHIESE

Complesso di Santo Stefano                                               

Eretto sul luogo di un antico culto pagano, il complesso di S. Stefano (detto anche “delle Sette Chiese”) si articola in una serie di edifici sacri davanti ai quali si apre la splendida cornice della Piazza di Santo Stefano.

Chiesa di San Domenico                                         

La chiesa di S. Domenico risale al XIII secolo, e fu costruita dai Domenicani accanto al convento in cui morì il fondatore dell’ordine (1221). Il suo aspetto attuale si deve a C.F. Dotti che la modificò nel 1728; la chiesa si affaccia sulla Piazza San Domenico, una fra le più belle della città.

Chiesa di San Petronio                                                                                                                                                          

Nel 1390, il Comune di Bologna diede incarico ad Antonio Di Vincenzo di dirigere i lavori di edificazione di una grande cattedrale in stile gotico, che nelle prime intenzioni voleva superare per dimensioni la Basilica di San Pietro a Roma (il progetto di tale maestosità fu bloccato per volere papale). La chiesa sarebbe stata dedicata a San Petronio, il santo protettore della città (che ne fu vescovo nel V secolo). A tutt’oggi però la facciata risulta incompleta.

 

MUSEI

Museo Civico Archeologico, via dell’Archiginnasio 2 – Tel.  051 – 2757211                                                         

Orario: 09-15 da martedì a venerdì; 10-18,30 sabato e festivi (Chiuso Lunedì)
Contiene diverse raccolte di materiali che documentano la storia bolognese dalla preistoria all’età romana.

Museo Civico Medievale, via Manzoni 4 – Tel. 051 – 203930                                                                                      

Orario: 09-15 da martedì a venerdì; 10-18,30 sabato e festivi (Chiuso Lunedì)
Contiene raccolte di sculture medievali, vetri, bronzi armi, avori, e codici miniati.

Mambo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, via Don Minzoni 14 – Tel. 051 – 6496611                                             

Orario 10-18 da martedì a domenica; 10-22 giovedì (Chiuso Lunedì)
Sono esposti esempi di Arte Contemporanea internazionale, dall’Informale al Concettuale, all’Arte Povera, fino alle ultime tendenze.

Museo Morandi – Mambo, Via Don Minzoni, 14 –  Tel. 051 – 6496611            

Orario 10-18 da martedì a domenica; 10-22 giovedì (Chiuso Lunedì)                                         

Interamente dedicato al pittore bolognese Giorgio Morandi, il museo espone una collezione di 250 opere: dipinti, acquerelli e acqueforti, disegni.

Pinacoteca Nazionale, via Belle Arti 56 – Tel. 051 – 4209411                                                                                                

Orario 09-19 (Chiuso Lunedì)
Offre un percorso nella pittura emiliana dal 200 all’800 in cui si possono ammirare opere di Giotto, Raffaello, Tiziano, Tintoretto, Carracci, Guido Reni.

Museo Ducati, via Cavalier Ducati 3    Tel. 051 – 6413111                                                                                                  

Orario: 09,30- 13,30 da lunedì a venerdì; solo su prenotazione                                

Propone 26 motociclette d’epoca, che ripercorrono cinquant’anni di storia delle competizioni motociclistiche, a partire dal “Cucciolo” (1946), fino ai più moderni modelli.

 

Santuario di San Luca

Il Santuario della Madonna di S. Luca sorge sul Colle della Guardia, a circa 300 mt di altitudine e l’attuale costruzione risale alla metà del ‘700.  La splendida posizione panoramica, che domina tutta la pianura padana ne fa una tappa obbligata non solo per i turisti, ma per gli stessi bolognesi che spesso affrontano la salita per fede, per svago e anche per jogging.

Orari di apertura:dalle ore 06.45

Chiusura:

da Novembre a Febbraio: ore 17.00

Marzo e Ottobre: ore 18.00

Da Aprile a Settembre: ore 19.00

Nei giorni feriali il Santuario rimane chiuso anche dalle ore 12,30 alle 14.30

 

Come raggiungere il Santuario

A Piedi:

Portico del Santuario (45 minuti) dalla località Meloncello

Servizi pubblici:

Da Piazzale Re Enzo Bus numero 20 (Direzione Casalecchio di Reno) con fermata a Villa Spada (inizio portico) + piccolo autobus CoSePuRi n. 58 da Villa Spada fino al Santuario (27 minuti)

Bus San Luca Express da Piazza Malpighi che porta direttamente al Santuario (22 minuti)  – Orari da verificare con la Reception